Giovedì, 28 Ottobre 2010 10:13

testo definitivo del decreto legislativo che recepisce la direttiva comunitaria “armi” 2008/51/Ce In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

 

25/10/2010

Il testo definitivo del decreto

Qui sotto in allegato trovate il testo definitivo del decreto legislativo che recepisce la direttiva comunitaria “armi” 2008/51/Ce. Il testo ha ricevuto una prima approvazione dal consiglio dei ministri, alla quale dovrà, secondo quanto riferito da Assoarmieri, seguire una seconda approvazione ufficiale e, quindi, il placet del presidente Napolitano e di Bruxelles.

Cominciando dalle buone notizie, non risultano esservi modifiche della situazione per gli appassionati di ricarica, diversamente da quanto si temeva leggendo il contenuto delle precedenti bozze. Altra buona notizia, se da un lato si specifica che sono da considerarsi, ai fini della legge, “munizione” anche le componenti (palle, bossoli eccetera), all’articolo 3, lettera e), si specifica che è obbligatoria la denuncia delle “munizioni finite”, quindi assemblate, e “materie esplodenti di qualsiasi genere”. Importante anche la previsione del limite entro cui dover fare la denuncia (72 ore), e l’eliminazione dei caricatori dal novero delle componenti d’arma in senso giuridico.

Per quanto riguarda le Soft air, da “giocattoli” vengono definite “strumenti”, possono essere vendute solo ai maggiori di 16 anni e devono avere la volata dipinta di rosso per almeno 3 centimetri. Per fortuna, non sembra essere stata accolta l’idea di costringere i produttori a ridurre del 20 per cento le dimensioni delle repliche, rispetto agli originali. Confermato il divieto di porto per gli storditori elettrici e il limite di detenzione di 200 colpi per le cartucce per pistola anche se si possiede una carabina in quel calibro. Il 9 mm parabellum diventa esplicitamente off-limit per gli appassionati (almeno nelle semiauto), non è però “da guerra” per i produttori ai fini dell’esportazione. L’ottenimento di una licenza per l’acquisto di armi deve essere comunicata ai conviventi maggiorenni (anche non legati da rapporto di parentela) e, se non si è in possesso di un porto d’armi, bisogna assoggettarsi ai controlli psicofisici di idoneità almeno ogni sei anni. I requisiti psicofisici sono determinati da un decreto che dovrà essere emanato, così come un decreto dovrà regolare altri aspetti specifici. Nel complesso poteva sicuramente andare peggio, sta di fatto che se non ci fosse stata una levata di scudi degli appassionati, delle organizzazioni di categoria e della Fisat, le conseguenze sarebbero state ben peggiori.

Letto 9023 volte Ultima modifica il Sabato, 27 Novembre 2010 20:57

2 commenti

  • Link al commento Pietro Suffritti Sabato, 27 Novembre 2010 20:59 inviato da Pietro Suffritti

    ho aggiunto lo schema di raffronto tra la vecchia e la nuova normativa prodotto dall'Avv. Silvia Gentile di FISAT, tratto dal sito http://www.campagnafisat.it

    Appena trovo il testo completo lo metto su

  • Link al commento mango Giovedì, 09 Dicembre 2010 11:07 inviato da mango

    Il presidente ha firmato il decreto

    Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha apposto la propria firma sul decreto legislativo di recepimento della direttiva europea 2008/51/Ce. Si attende solo, a questo punto, la pubblicazione in Gazzetta ufficiale. "Rimane ora da vedere", si legge nel comunicato della Fisat, "come i funzionari ministeriali dell’Interno e della Sanità cercheranno di dare esecuzione al decreto. Fisat, nel confermare che continuerà a vigilare senza sosta per evitare ulteriori restrizioni della libertà dei cittadini, desidera ringraziare le riviste Armi e Tiro e Soft air Dynamics che si sono unite alla lotta per la tutela del diritto dei cittadini onesti al possesso di armi e simili. La cospirazione tra coloro che mirano da sempre alla restrizione delle libertà dei cittadini, aiutata dal silenzio di chi doveva parlare e non lo ha fatto per interessi di bottega non ha avuto gli effetti sperati. Il prezzo della libertà è l’eterna vigilanza".

Devi effettuare il login per inviare commenti