• Benvenuti sul sito del Tiro Difensivo Modenese

     

    Il club TDM - Tiro Difensivo Modenese e' un'associazione sportiva composta da persone che amano il mondo delle armi, in particolare il tiro difensivo, che si allenano presso il Tiro a Segno Nazionale di Sassuolo per partecipare a competizioni nazionali o internazionali principalmente (ma non solo) di Action Shooting. Con la nascita in seno all'UITS della disciplina del Tiro Rapido Sportivo il club ha deciso di dare particolare rilevanza a questa nascente disciplina nei propri impegni, ma resta forte l'intento di partecipare anche a discipline come le gare militari U.N.U.C.I. o il tiro dinamico accumunate dall'uso di armi in movimento all'aperto.

    13 commenti Leggi tutto...
Lunedì, 22 Aprile 2013 11:18

Classifica e foto Memorial Cimmarrusti 2013

In questo articolo potete trovare le foto della premiazione e la classifica del Memorial Car. Vittorriano Cimmarrusti 2013, 2° prova del Trofeo Extrema Ratio 2013, tenutosi sul campo del TSN Sassuolo e organizzato dalla ANC Sassuolo il 21/04/2013.

Visto che sono stato parte integrante della organizzazione, non mi considero sufficientemente obbiettivo da stilare un reportage: se qualcun'altro ne farà uno riporterò qui link o testo.

Pubblicato in Reportage Gare

Ottimo inizio di stagione per gli agonisti del TDM.
Ieri (17/03/2013), alla prima gara stagionale al TSN di Pontedera (Circuito UNUCI TOMUF, Trofeo Ciardelli) i nostri agonisti hanno fatto l'en plein:

Colli 2° Classificato militari, Lonardi 3° Classificato Militari, Manganelli 5° Classificato Militari, Suffritti 2° Classificato Civili, la squadra ANC Sassuolo 1° Classificata.

Francamente non si poteva chiedere miglior inizio della stagione agonistica!

Pubblicato in Gare
Domenica, 11 Novembre 2012 13:08

Classifica "Trofeo TDM" TRS 10 Novembre 2012

è stata pubblicata sul sito del TSN Sassuolo la classifica del Trofeo TDM, gara amatoriale di Tiro Rapido Sportivo, che viene riportata anche qui in allegato.

Con una buona partecipazione (44 tiratori) e graziati dal tempo che ci ha salvato dalle ire di Giove Pluvio, la gara è stato un buon momento introduttivo per molti tiratori in linea o praticanti altre discipline, avvicinando al TRS tanti che non avevano mai preso in esame la disciplina.

In .22LR si sono classificati ai primi tre posti Manganelli, Castellini e Arletti, in Open Ghirelli, Raimondi e Ritonnale, in Revolver Bonatti, Caia e Ottaviani, in semiauto Manzini, Lonardi e Poncemi.

Particolare apprezzamento espresso dai tiratori rimasti alla premiazione per i premi "in prosciutto" offerti dal Prosciuttificio San Francesco in sostituzione delle "meno mangerecce" medaglie...

Pubblicato in Gare
Domenica, 11 Novembre 2012 12:47

Pubblicata la classifica del Trofeo TDM di TRS

è stata pubblicata sul sito del TSN Sassuolo la classifica del Trofeo TDM, gara amatoriale di Tiro Rapido Sportivo, che viene riportata anche qui in allegato.

Con una buona partecipazione (44 tiratori) e graziati dal tempo che ci ha salvato dalle ire di Giove Pluvio, la gara è stato un buon momento introduttivo per molti tiratori in linea o praticanti altre discipline, avvicinando al TRS tanti che non avevano mai preso in esame la disciplina

Pubblicato in Gare
Martedì, 16 Ottobre 2012 19:04

Inizia l'avventura col Tiro Rapido Sportivo

Con la partecipazione di Manzini e Lonardi alla finale di quest'anno del campionato italiano UITS di Tiro Rapido Sportivo si può considerare ufficialmente iniziata l'avventura del TDM nel mondo del TRS UITS. Buono il risultato di Maino che si piazza al 9° posto, Manzo è stato afflitto da svariati problemucci tecnici che non gli hanno permesso di brillare come al solito

Pubblicato in Gare
Martedì, 16 Ottobre 2012 18:44

Pegaso 2012 - l'ANC Sassuolo sugli scudi

Anche quest'anno alla Pegaso 2012 l'incarnazione militare del TDM, aka la squadra ANC Sassuolo, si porta a casa le sue soddisfazioni. Con 1118,59 secondi si piazza al primo posto a squadre davanti alla DueDotNove che totalizza 1199,95. Complimenti a Manzini, Lonardi, Manganelli e Colli che continuano a veleggiare in altro in tutte le classifiche

Pubblicato in Gare

Maino e Manzo ammessi alla finale: http://www.uits.it/Gestionale/AllegatiPortale/TiroRapidoSport/Ammissione%20individuale%20TRS.pdf (vedi fine pg.2 - inizio pg.3)

6-7 Ottobre a Treviso, come da calendario: http://www.uits.it/Gestionale/AllegatiPortale/TiroRapidoSport/CALENDARIO%20TIRO%20RAPIDO%202012%2031.08.2012.pdf

"Ci avrei potuto riuscirci ankio" ma.. la voglia quest'anno era poca!

;) Winks Tepo!

Pubblicato in Gare
Domenica, 30 Settembre 2012 16:57

Reportage National FIAS 2012 Gornate Olona

Bene, eccoci a scrivere il reportage del National FIAS 2012.
Per prima cosa c’è da chiarire alcuni aspetti su quest’articolo:
1) penso che sia fatto conosciuto da molti se non da tutti che le cose "interessanti" di questo National non siano avvenute sul campo ma fuori dal medesimo. Questo però è un reportage della gara, e quindi parlerò della stessa e non di altro. al massimo, se e quando ne avrò voglia, scriverò un articolo apposito.
2) ho avuto l'onore e l'onere di partecipare a questo National come SO. Ovviamente, visto che riporto il mio vissuto, difficilmente questo potrà essere limitato a quello di "tiratore" e basta, soprattutto perché la mia schizofrenia non arriva ancora a livello di personalità multiple.
3) ovviamente ricordo che quanto espresso nell'articolo è semplicemente il parere dello scrivente, che, anche se non è più un novice come un tempo, di certo non rientra nel grande gotha dei saggi. Quello che io non capisco, magari chi è più bravo di me potrà capirlo, spiegarlo e chiarirlo meglio. Sia chiaro comunque che il tutto è messo con un grande "IMHO" davanti, ed esprime esclusivamente la mia opinione, senza nessun desiderio di offendere nessuno.

La prima cosa che vorrei fare notare è che, esperienza alla mano,

Pubblicato in Reportage Gare
Venerdì, 28 Settembre 2012 19:00

Reportage Trofeo Pegaso Giglio Rosso 2012

Ok, sono in un ritardo folle, lo so, ma mi darete conto che lo sono per una serie di ottime ragioni. chesso', il national, sistemare un po' di robe a casa nostra... cose cosi'.

Quindi mi spiace per il cama, ma stavolta sono arrivato lungo :-(

eccoci qui dunque a commentare il Pegaso di quest'anno, che da una parte e' andato benissimo, dall'altra qualche motivo di tristezza l'ha data.

Togliamoci subito questi ultimi, cosi' non ci pensiamo piu'.

Non c'e' che dire, evidentemente in questo mondo quando qualcuno fa qualcosa di bello, qualcun'altro deve sentirsi necessariamente sminuito da cio'. non capisco perche', non capiro' mai perche', ma evidentemente e' cosi'.

Pubblicato in Reportage Gare

Ed eccoci a recensire la gara di domenica scorsa a Gornate Olona, organizzata dal Club Interforze di Novara.

Questa volta, causa concomitanza con altre situazioni abbiamo partecipato solo in 3, io (Suffritti), Manganelli e Lonardi (stanchezza e casini hanno colpito duro stavolta).

Solita levataccia, bardati per prenderci il fiume d'acqua previsto dal bernacca di turno, la gradevole sorpresa e' stata invece che l'acqua non si e' vista se non in transito per Milano, col risultato di essere tornati a casa rossi come peperoni ma non zuppi, il che fa sempre piacere.

Togliamoci subito dai piedi il lato "risultati", che hanno visto Maino piazzarsi 4° in Limited dietro un Misci in forma splendida (voci di corridoio dicono che gli si e' rotto l'hold open e se ne è accorto solo pulendo l'arma a casa a fine gara), Cristian Diani e Giuseppe Perrello, Paolo porta a casa un 10° posto in classifica generale limited niente male al suo ritorno alle gare, e il sottoscritto un 19° in stock di cui non si può proprio lamentare (vabbe', lo ammetto... e' il 3° come marksman, ma non fateci l'abitudine! il Qlo ha aiutato!)

Ed ora arriviamo alla gara vera e propria.

Non me ne vogliano i ragazzi dell'Interforze, ma se devo essere onesto nel descriverla il termine che mi salta alla mente e' "senza infamia e senza lode", insomma, un "6" abbondante, niente di meno ma neanche niente di più.

Probabilmente subiscono anche il "contraccolpo" di essere venuti dopo la gara divertentissima organizzata dai ragazzi del 2.9, e questo e' da tenere conto, ma francamente dopo avere passato una gara in cui era evidente in ogni stage il come-dove-quando ci si era trovati in quelle situazioni di scontro a fuoco, trovarsi in esercizi in cui ti chiedevi "e come diavolo sono arrivato a difendere un torrione medioevale dai cattivi?" (unica spiegazione che mi sono dato per l'esercizio 5) un pochettino ... insomma, non e' che mi faccia brillare di felicità.
Poi e' ovvio che questa e' la mia personale interpretazione e nulla di più, quindi ampiamente contestabile e che vale ben poco.

Un pò meno "mia personale convinzione" il fatto che si sia giunti ad eliminare uno stage, il 4, per problematiche non dovute alla rottura di apparati. Oh, sia chiaro, visto che lo stage 4 era quello in cui io avevo fatto la mia personale "cazzata rovinagara (TM)", non posso lamentarmi del fatto che quasi sicuramente mi ha fatto salire in classifica e penso manco poco, e le problematiche di interpretazione del regolamento SONO da tenere presente e non ce ne si può lamentare, ma magari si può impararne una lezione. Sempre "In my humble opinion"  infatti quando un SO bravo e preparato come quello che ha gestito il 4° stage si trova in situazioni sgradevoli come questa, forse c'è da chiedersi COSA è andato storto... e, sempre secondo me, un regolamento in continua evoluzione e cambiamento come il nostro FORSE non aiuta più molto ad essere certi di come si debbano contare i punti. Ma ovviamente, tutto ciò resta mia idea personale, e come tale vale esattamente per i byte che occupa, cioe' nulla.

Sempre in ottica generale, non ho proprio capito la necessità di mettere gli stage in sequenza 1-2-4-3-5-6 percorrendo la stradina di accesso. c'era la voglia di tenere belli svegli i tiratori? di vedere in quanti dopo il 2 sarebbero andati allo stage giusto? Chiariamoci, nulla di male, pero' un minimo di confusione l'ha creata.

Ultimo appunto personale e privato, la mia predilezione per i punti ristoro autogestiti e' nota, e francamente avrei preferito lasciare i c.a. 15/20 euro che ho speso per mangiare 2 panini, alcune bottiglie d'acqua (fondamentali visto la scottatura) e qualche caffè agli organizzatori piuttosto che alla cortesissima coppia di ragazzi del catering... magari comprendendone anche meglio i prezzi, visto che 5 euro per un panino con la salciccia non mi sembrano proprio a buon mercato.

Detto cio' passiamo agli esercizi che mi ricordo , visto che non ho avuto la possibilità di fare foto (cellulare quasi scarico) e che francamente non tutti mi si sono stampati a fuoco in mente.

Stage 1: un mirato 2 mani, mano forte, mano debole con bersagli piccoli posti a "V" progressivamente più vicini. ottimo esercizio ginnico, ma cosa aveva da dirmi in fatto di tiro difensivo? non c'e' da dire nulla, mi sa che la gara di arcisate mi ha veramente rovinato da questo punto di vista. Avrei volentieri usato questo stage in allenamento, ma non ne ho capita la sostanza in una gara di action shooting.

Stage 2: ammetto che faccio fatica a ricordarmelo, essendo ormai passata una settimana (mea culpa). Però e' la prima volta che mi succede. Sorry.

Stage 3: pepper sentinella, una serie di sagome da affrontare da una finestra, poi 2 sagome da affrontare "in passaggio" per arrivare ad altre 2 finestre da aprire per bonificare le due stanze dietro, quindi dall'angolo della strada 1 hard cover e una sagoma. abbastanza divertente, niente da dire, ma vorrei capire alcune cose:
A) come mai nei briefing si e' iniziato a specificare che le finestre non danno cover quando di solito la davano? e' necessario? cosa dà in piu' tagliare la torta da una finestra microscopica che ti lascia 30/40 cm di apertura da cui sparare?
B) perche' i compagni di gioco della sentinella, presenti nello stesso ambiente, quando la vedono stramazzare al suolo non si muovono da li e non ti vengono ad affrontare visto che sei impegnato a fare fuori i colleghi nella stanza accanto? fifa? Sei li' in altre faccende affacendato per un tempo sensato, vi sono arrivati dopo avere percorso un labirinto con un ostaggio? erano addormentati? ripeto, la gara dal 2.9 mi ha rovinato mi sa...

Stage 4, non pervenuto, quindi lo saltiamo

Stage 5: sei dentro una struttura che non può essere altro che un torrione medioevale, circolare con feritoie di pochi cm. dalle feritoie ingaggi i cattivi che ti assaltano. con l'arco l'avrei fatta molto volentieri, ed avrei chiesto QUALE torrione ha feritoie al piano terra, ma vabbe'. Con la pistola mi chiedo che senso abbia, come diavolo ci sono arrivato a difendere il suddetto torrione e COME l'SO dovesse considerare le cover da feritoie di 5-10 cm. Vorrei vedere infatti in quanti, nella situazione degli attaccanti, sarebbero stati in grado di reagire a una figura in movimento dietro alle suddette feritoie; comunque, come allo stage 1, nulla da dire, esercizio ginnicamente divertente sebbene con dei possibili fuoriangolo leggermente inquietanti su una sagoma, ma magari mi drogo io...

Stage 6: finestra su cui stare in cover, passeggiata facendo fuori i cattivi, ci si butta a terra e si spara ai cattivi residui da una finestrella all'altezza del terreno. Ecco, qui devo dire che FINALMENTE ho capito il senso di queste finestrelle dal 40 cm, visto che gli unici posti in cui le ho viste presenti in architettura sono prese di luce negli scantinati e nei solai, a meno che non si parli delle feritoie nelle casematte che di certo però non hanno barriere da aprire. esercizio bello e piacevole, mi sarebbe dispiaciuto per il Manganelli che ha avuto qualche problema a sdraiarsi... se non avesse fatto un tempo più basso del mio!

Premiazioni in un tempo sensato e francamente piacevoli hanno nettamente migliorato la gara.

Signori, mi dispiace ma questa volta devo ammettere che PER ME la parte piu' piacevole del tutto e' stta la buona compagnia, il relax generalizzato del gruppo nel quale ho partecipato e la giornata tutto sommato divertente... ma forse il fatto che non sono più tanto "niubbo" come una volta, e l'aver visto gare con esercizi molto più sensati dal punto di vista operativo, stavolta mi ha lasciato non particolarmente entusiasta di un "prodotto" che di per sè comunque non e' stato di certo il peggio che abbia mai visto, ma che non mi ha neppure fatto fare i salti di gioia.

E se inizio a "mentire" politicamente per dire che e' tutto sempre bello e perfetto, tanto vale che non scriva più questi reportage, no?

Pubblicato in Reportage Gare
Pagina 1 di 3
  • Dove siamo
  • Chi siamo
  • Sicurezza prima di tutto
  • I Principi dell'Action Shooting
  • Cos'e' L'Action Shooting

Dove Siamo

La sede legale del club è

TDM - Tiro Difensivo Modenese ASD

C/O Maino Lonardi

Via Nobili, 57

41100 Modena (MO)

Ovviamente però non pratichiama la nostra attività presso la sede legale.

Potete trovarci "tendenzialmente" il sabato pomeriggio presso i campi di tiro dinamico del TSN di Sassuolo, sito in via del Tiro a Segno 245,  Sassuolo (MO)

"Tendenzialmente" perche' visto che il nostro e' uno sport all'aperto, se piove e grandina non potete avere la certezza di trovarci, e visto che siamo comunque inseriti all'interno delle attività del TSN di Sassuolo, se vi e' una gara potremmo non essere disponibili

Read More

Cos'è il TDM

Il club TDM - Tiro difensivo Modenese ASD e' un'associazione sportiva dilettantistica composta da persone che amano il mondo delle armi, in particolare il tiro difensivo, che si allenano presso il Tiro a Segno Nazionale di Sassuolo per partecipare a competizioni nazionali o internazionali nelle discipline del tiro Difensivo (IDPA), Dinamico (FITDS), Rapido Sportivo (UITS) e Militare (UNUCI)

Nato nel lontano 19 Novembre 2007 dalla riunione "carbonara" dei soci fondatori, in quel di Via Nobili 57, hanno inteso fondare una associazione apolitica, avente per finalità lo sviluppo e la diffusione di attività sportive intese come mezzo di formazione psico-fisica e morale dei soci, mediante la gestione di ogni forma di attività agonistica ricreativa con particolare riferimento alla pratica della disciplina del tiro sportivo.

Oltre agli agonisti sono menbri del club anche persone che hanno solo voglia di divertirsi in sicurezza con armi corte o lunghe, imparando il maneggio e le tecniche di difesa in situazioni che si avvicinano il più possibile alla realtà, sempre nell'ambito della massima sicurezza e del totale rispetto della legge.

Ma prima di tutto e' un gruppo di persone appassionate che si trovano bene insieme e che si divertono a praticare sport in cui la componente ludica e' assolutamente essenziale: se non ci divertissimo smetteremmo di farlo.

Ben vengano quindi non solo gli allenamenti con le armi da fuoco, ma anche i momenti conviviali, che hanno una importanza almeno comparabile.

Read More

Questioni di sicurezza

Nelle competizioni dell' A.S. ogni tiratore è tenuto a rispettare queste cinque regole fondamentali:

  1. Considerare ogni arma come se fosse sempre carica.

  2. Non rivolgere mai la volata dell'arma verso qualcosa che non si voglia colpire.

  3. Essere certi del proprio bersaglio e di cosa lo circonda.

  4. Tenere sempre il dito fuori dal grilletto fino a quando non si e' coscientemente deciso di sparare.

  5. Rispettare le leggi e gli ordinamenti giuridici degli Stati in cui si compete.

Read More

Principi

  • promuovere l'informazione sulle norme di sicurezza che regolano l'uso ed il maneggio delle armi da fuoco.

  • creare una condizione di gara equilibrata ed uguale per tutti i concorrenti in modo da testare la capacità e l'abilità individuale dei tiratori.

  • promuovere l'utilizzo nella massima sicurezza di armi e di equipaggiamenti adatti al porto continuato da difesa, anche occultato.

  • dare ai tiratori percorsi di tiro ed esercizi che siano pratici, realistici e divertenti.

  • offrire uno sport di tiro realmente pratico che permetta ai concorrenti di concentrarsi sullo sviluppo della capacità tecnica nel tiro, nel pieno rispetto delle filosofie dell' A.S.

 

Read More

Scopo ed obiettivi dell'Action Shooting

L'action Shooting e' una disciplina di tiro con armi da fuoco che si prefigge di riprodurre, in sicurezza, situazioni di conflitto a fuoco credibili e possibili nella realtà, che vedano come "protagonisti" coloro che sono abilitati al porto d'arma continuato per difesa personale.

Il tiro sportivo dell'A.S. prevede l'utilizzo di un equipaggiamento realmente pratico per poter affrontare adeguatamente gli esercizi di gara in modalità dinamica.

Ai tiratori che partecipano alle competizioni dell' A.S. si richiede di usare armi e buffetteria idonei al porto continuato per difesa personale, poiche' lo scopo di tiro dell' A.S. e' quello di testare la capacita' e l'abilita' del tiratore, nel rispetto della sicurezza, in un'azione di tiro con modalita' diversificate e non la qualita' della sua attrezzatura.

La parola chiave dell'A.S. pero' e' "Sicurezza", quindi laddove si tratta di scegliere di simulare situazioni estreme noi preferiamo garantire la sicurezza del tiratore e di chi gli sta intorno: "Rambo" da noi non e' di casa.

Read More