×

Notice

Simple Image Gallery Pro Notice: Flickr photoset does not exist or it's not public.
Domenica, 03 Giugno 2012 20:08

Reportage 2a Campionato Nord FIAS - Arcisate

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Bene, finalmente abbiamo avuto la seconda gara del cmpionato FIAS area nord di quest'anno. Francamente dopo i noti problemi con la gara di brescia che ne hanno portato alla cancellazione, un pò di timore c'era...
anche perchè già così siamo ridotti a quattro gare ma ne servono sempre due per andare al National, e se per caso mi arrivasse la tanto sospirata pistola nuova si avvicina sempre di più il momento in cui andare a farlo in stock anzichè in limited non diventi più una scelta ma un obbligo.
Comunque... guardiamo al futuro, anzi al recentissimo passato e recensiamo la gara di Arcisate :-)

Lo so, ho detto che non avrei ripetuto sempre le stesse cose, stile come siamo stati bene, ma questa volta una menzione speciale ai ragazzi del 2.9 va proprio fatta: scusate, in quale altra gara un sorridente organizzatore mette su ogni tanto una moka da 12 caffè e fa il giro sui campi ad offrirlo ai tiratori? che dire oltre "Chapeau"? E come si fa a non menzionare il grigliatore da assalto che ad ora di pranzo si e' messo lì e ha grigliato nonsoquante salciccie per sfamare la torma di golosastri impertinenti chiamati shooters? non posso che dire di essere contento di vedere diffondersi l'idea dei punti di ristoro gestiti direttamente di club organizzatori: alla fine si mangia meglio e in modo più sano che coi catering esterni e magari restano due soldini in più ai club, cosa che certo non dispiace.

La gara è stata impostata dal Match Director Spett.le Egr. Sig Trioli (o per essere più cooretti "il Tricks", ma francamente si è sempre comportato in modo così amabile e scherzoso da non poter evitare il sorriso) in un'ottica il più lontana possibile dall'idea di "sport" e il più vicina possibile a quella di "simulazione", riscoprendo una logica "tutta FIAS" che non si può non apprezzare.
Belle ambientazioni, alcune anche molto ironiche e divertenti come quelle degi zombie hanno caratterizzato tutti gli stage, rendendo la gara estremamente coinvolgente.

Certo, come al solito ci sono state alcune "contestazioni" sugli stage, ma in primo luogo molto più amichevoli e tranquille del solito, e in secondo avevano quasi più l'aspetto di essere "dovute" (del tipo "in altre situazioni non passano i 20 cm di distanza di più o di meno sul brsaglio X mentre qui c'e' questo particolare che e' fuori regolamento... se dobbiamo giocare  fare le pugnette che lo si faccia con tutti") che per reale convinzione.

Non facevo l'SO ovviamente, ma francamente la situazione mi pareva piu' distesa che in altre gare e con meno "assalti agli arbitri"... magari se non è stato così chi ha arbitrato mi correggerà, ma l'impressione che alcune cose dette in passato abbiano sortito effetto francamente un pò ce l'ho avuta, ovviamente peccando di ingiustificata superbia :-)

Da segnalare il fatto che questa gara segna il ritorno in corsa del nostro francesco, cosa che fa decisamente bene a tutti ... e speriamo che torni in fretta anche il mango.

Ciò detto, bando alle chiacchiere e passiamo alla gara vera e propria.

Stage 1 : purtroppo soffriva un pò della condivisione della piazzola col 2 , ma il campo pur essendo decisamente valido da molti punti di vista ha solo 5 campi, quindi i miracoli non si potevano fare. Si partiva da sdraiati, poi al beep ci si "rotolava" dietro un comodino, si recuperava l'arma dalla borsa e in due string differenti si affrontavano 3 cattivoni secondo due diverse modalità; alla prima dovevi anche caricare l'arma mentre alla seconda si affrontava una sequenza.

Stage 2 : leggi sopra per quel che riguarda gli spazi condivisi, l'esercizio prevedeva la partenza con le mani sulla scrivania, 3 sagome vicine e 3 più lontane
e fin qui, niente di folle causa spazi ridotti, ma poi si arrivava allo stage 3 e si iniziava a divertirsi davvero con le ambientazioni...

Stage 3, gli Zombie: già la scenografia invogliava a farsi una risata, poi l'interpretazione del briefing da parte del buon giancarlo orizio portava anche oltre quando ti faceva presente che quelli erano zombie e quindi non c'era bisogno di copertura perchè erano armati solo della loro voglia di mangiarti il cervello... "braiiiinss.... yummm" :-)
si partiva "lato cimitero" con le mani appoggiate su una fantastica bara sostenuta da cavalletti, si svuotava mezzo caricatore sulla testa di un certo numero di zombie per poi passare "lato strada" a sterminare un po' di banali infetti.

Stage 4, l'assalto alla colonna : Ci si trovava nella situazione di esssere impegnati a prestare soccorso a una collega a terra durante un assalto alla nostra colonna, quindi si partiva a fianco di un manichino con la pistola non camerata con 4 colpi. al via si attivava un mover decisamente veloce che faceva correre verso di te una sagoma che spariva molto velocemente a cui si dovevano tirare 2 colpi dopo avere armato (puro istinto, non raccontate balle) seguiti da altri 2 a un'altro aggressore. cambio di emergenza, correre alla macchina piu' avanzata per recuperare i propri caricatori con l'arma vuota, si riarma in macchina, due sagome da un lato e due dall'atro della macchina. divertente e non banale, e correre allo scoperto con l'arma scarica verso 2 aggressori coperto solo dalla portiera aperta dava un certo pepe.

Stage 5, difesa della banca: non c'e che dire, la scenografia era spettacolare e se entravi nello spirito dell'esercizio, proprio spassoso. si partiva col telefono all'orecchio ed arma spianata verso il cattivone che spuntava tra le teste di 3 poveri ostaggi, poi sempre da seduto ingaggiavi altri 2 sempre ostagiati e piu' lontani, ti alzavi e sparavi a un body armour, affrontavi il corridoio sparando in movimento al cattivo che lo presidiava e a metà corridoio vedevi l'ultimo briccone

Stage 6, smanetta co pompa: si partiva con un pompa in mano e la prima cosa da fare era metterselo in spalla in sicurezza... peccato che la cinghia era MALEDETTAMENTE corta e ti si impigliava nelle cuffie e nel cappello, e l'esercizio doveva ancora cominciare! due sagome, poi far fuori la sentinella in un corridoio, poi da una finestra IN CUI DOVEVI COMUNQUE RESTARE IN COPERTURA, dovevi sparare in un piede al cattivo che si nascondeva dietro la vecchietta (un piatto) e poi quando cadeva di lato tirargli altri 2 colpi, quindi si tirava alla testa di un altro cattivo (piatto quadrato delle dimensioni di un box piccolo) che faceva partire un'altro cattivone che tentava di scappare di lato al quale si sparavano altri tre colpi

Alle 3, 3 e mezzo avevamo finito e bevevamo il caffè mentre chi voleva si divertiva al FAST, alle 4 meno un quarto erano fuori le verify e la classifica era già stata stampata alle 4 in attesa che passasse la regolamentare mezz'ora per permettere le eventuali contestazioni. peccato che noi venissimo parecchio da lontano e quindi il tempo per restare  alle premiazioni era contato...

Ah, giusto per i curiosoni: Manzo si e' piazzato primo in 45, Maino 3° in limited, Tepo continua l'abbonamento al 1° sharpshooter limited... abbiamo avuto anche Salsi 2° in revolver :-)

ma della mia prestazione... non dico nulla che mi conviene :-)

Letto 2559 volte Ultima modifica il Domenica, 03 Giugno 2012 20:22

Galleria immagini

{gallery}http://www.flickr.com/photos/pietrosuffritti/sets/72157629934791004/with/7287033800/{/gallery}

2 commenti

  • Link al commento Stefano Colli Lunedì, 11 Giugno 2012 10:41 inviato da Stefano Colli

    Tepo sarebbe + contento di fare l'8-10° della Expert più che il Campione interregionale Nazional-popolare dei SparaSciarpe... :D Le percentuali xò faticano..

  • Link al commento Pietro Suffritti Domenica, 17 Giugno 2012 12:26 inviato da Pietro Suffritti

    adesso, poi, quante ne vuoi.... io cosa dovrei dire che se continuo cosi' posso tornare allegramente Novice? :-D

Devi effettuare il login per inviare commenti